Risposte

2014-01-07T21:15:43+01:00
In ogni società, normale è chi segue le regole sociali, chi adotta un atteggiamento conformista nei confronti dei codici di comportamento che il sistema sociale offre e impone, dunque si conforma alle regole dominanti. Ogni individuo si costruisce un ruolo e un'immagine di se che non devono uscire da certi limiti, e devono essere funzionali ai valori sociali dominanti. Siamo continuamente esortati ad essere normali, in quanto la normalità, secondo il modello proposto da questo contesto sociale, è un modello a cui è giusto conformarsi. Facendo riferimento al concetto di disturbo mentale, o di follia, normale è chi è esente da disturbi, chi non si considera e non viene considerato come affetto da problemi e disturbi di competenza della psichiatria. 
Il termine "follia" è per lo più un termine generico, che non ha un significato preciso, né scientifico. La follia è invece il modo di manifestarsi che appare più irrazionale e imprevedibile ed è ciò che va sotto il nome di "disturbo mentale". Possiamo affermare che la follia è intesa in modo complementare rispetto alla normalità, essendo tutto ciò che è sbagliato, irragionevole, imprevedibile, fuori schema. Il "non essere matto" significa essere ragionevole, ovvero non fare in ogni momento ciò che si vorrebbe, non dire tutto ciò che si ha in mente. La follia è l'opposizione al conformismo alle idee dominanti. Il termine "folle" è un giudizio di devianza, più che una caratteristica intrinseca alla persona, che viene espresso sul suo comportamento. E' il nome che si da a certe violazioni del vivere sociale ed ha a che fare con l'ideologia positivista della modernità che fa prevalere la razionalità come strumento principe di conoscenza e valore di misura esso stesso. SPERO CHE QUESTO TI AIUTI!